SHARE

siamo prigionieri del nostro modo di muoverci, del nostro modo di pensare, del nostro modo di percepire e di sentire. Siamo schiavi dei nostri stessi automatismi